Andrea maggio

Ciao, sono Andrea Maggio e le relazioni umane sono la mia passione!

Negli ultimi quindici anni, mi sono formato come life coach, counselor e mediatore familiare. Ritengo che l’essere umano sia dotato di incredibili potenzialità che aspettano solo di essere espresse e che la vita, grazie all’incontro con le altre persone che incrociano la nostra strada, ci consenta di evolvere come esseri umani perfettibili.

Se sei arrivato sulla mia pagina di presentazione vuol dire che stai cercando di conoscermi meglio e che probabilmente sei interessato alla crescita personale o alla più ampia autorealizzazione.

Per darti qualche informazione in più su di me proverò a raccontarti il mio percorso di vita. Mi piace la metafora del viaggio, la utilizzo quando lavoro coi miei clienti perché ritengo che la crescita personale sia il viaggio più bello anche perché dura tutta la vita.

Sono alla soglia dei 50 anni, ho una bellissima famiglia con tre figli adolescenti e come ti anticipavo la mia passione sono le relazioni, in particolare quelle d’aiuto. Ho avuto modo di scoprire la mia passione solo in tarda età, probabilmente perché non mi sono mai concesso il lusso di fermarmi per capire dove stavo andando e se stessi percorrendo veramente la strada che desideravo. Solo quando ho deciso di fare una piccola sosta, ho notato come la vita mi abbia permesso di unire i puntini delle mie scelte, di dare un senso alle tante coincidenze importanti che mi hanno accompagnato in questi anni e di consentirmi di capire cosa fosse necessario per raggiungere l’agognata meta che io e tutti rincorriamo: la felicità. E’ proprio a questo che mi riferisco quando parlo di realizzazione personale: la possibilità di essere felici dando un senso alla propria vita compiendo il proprio destino, qualunque esso sia.

Quando ho capito che era necessario fermarsi per fare il punto sulla mia vita, ho avuto modo di riflettere su cosa avrebbe potuto aggiungere gratificazione e significato alla mia esistenza. Il risultato di questo lavoro di ricerca è stato proprio capire che la mia vita avrebbe avuto senso se l’avessi dedicata ad aiutare le persone a superare momenti di difficoltà, ad accendere una luce dove qualcuno vedeva solo il buio, a liberare il proprio potenziale ritenuto inespresso o bloccato. A questo si aggiungeva il desiderio di vivere la vita per come volevo e desideravo, in poche parole in maniera autentica, senza quei condizionamenti che ci fanno agire come se fossimo qualcun altro.

Da quel momento ho cominciato a percorrere il sentiero che mi ha condotto sempre più vicino alla mia realizzazione professionale e personale. Un sentiero che sto percorrendo ancora oggi e che spero mi porterà sempre più lontano nel viaggio di consapevolezza di me e più vicino alla mia unicità.

La prima grande tappa del mio viaggio è stata la scoperta del coaching, un metodo ormai consolidato sia per migliorare le proprie prestazioni (lavorative, sportive, di studio, ecc.) sia per realizzare il proprio progetto di vita liberando risorse e potenzialità troppo spesso lasciate in disparte o addirittura sconosciute a se stessi.

Sono dell’idea che quando si conosce il coaching non si impara solo una tecnica, si cambia completamente il modo di stare al mondo poiché si sviluppa la convinzione di essere artefici del proprio destino e di credere nelle infinte possibilità dell’essere umano.

realizzare il proprio benessere

La tappa successiva ha riguardato l’arricchimento e il completamento apportato dal counseling. Nel supportare i miei clienti, mi sono reso conto dell’importanza di avere a disposizione competenze specifiche per esplorare gli aspetti emozionali. Le emozioni, infatti, sono determinanti nella gestione delle crisi, nella mobilizzazione di risorse interiori e nel processo di autoconsapevolezza del cliente. Il counseling centrato sulla persona, quindi, è divenuta la metodologia che ho integrato al coaching per supportare soprattutto le coppie e i genitori.  La conflittualità, le difficoltà e le insidie della comunicazione, le sfide lanciate dalle crisi evolutive di figli e genitori sono pervase da emozioni che influenzano inevitabilmente il nostro agire.

genitorialità

Inutile dire che anche il counseling, come il coaching, ha rappresentato in prima battuta un percorso di crescita personale. Sono convinto, infatti, che adesso anche il mio modo di pensare il lavoro, di interagire con le persone, il mio essere marito, compagno e genitore siano profondamente diversi grazie al fatto che sono anche coach e counselor.

Mi piace pensare, allora, che in tutte le relazioni che costruirò coi miei clienti, potrò portare un bagaglio di esperienze e conoscenze ricche, autentiche e credo molto stimolanti.

Il mio profilo

Andrea Maggio
Andrea MaggioCoach, Counselor e Mediatore Familiare

Qualcosa di me

Svolgo regolarmente attività di coaching e counseling individuale finalizzate alla scoperta e valorizzazione delle risorse personali per affrontare il cambiamento e le crisi evolutive che accompagnano le principali fasi di vita dell’individuo (adolescenza, matrimonio, lutto, ecc.).

Supporto giovani e adulti nella ricerca della propria vocazione professionale, nell’orientamento alla scelta degli studi universitari o all’avvio di una professione, nella definizione ed implementazione del programma di sviluppo delle competenze necessarie per la propria realizzazione professionale e nella delicata fase della ricollocazione lavorativa.

Seguo le coppie che si trovano ad affrontare le difficoltà  della vita a due e le fasi critiche del ciclo di vita della coppia: arrivo dei figli, adolescenza, perdita dei genitori, paura del “nido vuoto”, ecc.;

Svolgo seminari e workshop su temi di crescita personale (autoefficacia, autostima, sviluppo competenze, orientamento)